Delitto e castigo: crimini, giudici e condanne

Indicazioni per partecipare alla visita guidata

– Il gruppo sarà formato al massimo da 15 persone
– Mascherine obbligatorie (portate le vostre) da tenere correttametne sul volto per TUTTA la durata della visita guidata
– Ogni persona riceverà una radiocuffia (igienizzata ad ogni uso) per ascoltare la guida a distanza: se li avete, portate i vostri auricolari personali
– E’ obbligatorio mantenere la distanza di sicurezza di 1 mt dagli altri partecipanti che non appartengono allo stesso nucleo familiare
– Pagamento tramite bonifico bancario sul conto della Didasco Associazione Culturale (Banca di Bologna, IBAN IT49K0888302407033000332468) oppure con soldi contati consegnati in busta chiusa con nome e cognome di tutti i partecipanti
– Il modulo di iscrizione all’Associazione va scaricato, stampato, compilato a casa – è possibile scaricarlo cliccando qui  – non avremo moduli da compilare in loco

SE SIETE RAFFREDDATI O CON TOSSE, ANCHE SENZA FEBBRE, VI CHIEDIAMO DI NON PARTECIPARE ALLA VISITA

La visita guidata

L’amministrazione della giustizia in città era regolata da leggi precise e a volte dure. Attraverso vari aneddoti apriremo una finestra sul mondo delle prigioni, dei criminali e dei giudici che li condannarono.

Il delitto di Don Giacomino

Nel 1276 Don Giacomino venne condannato alla “gabbia” per aver ucciso Don Pellegrino di Paderno. Entrambi aspiravano al rettorato della chiesa di San Nicolò di Villola, che era vacante. I due si incrociano sotto la casa di Guidone Grifoni (colui che doveva scegliere il nuovo rettore).
La discussione tra i due, divenne sempre più rovente finchè sfociò nella tragedia: Don Giacomino estrasse un grosso coltello da pane e pugnalò a morte il rivale.
La giustizia farà il suo corso condannando Don Giacomino a 49 giorni di agonia.

Cornuto e multato

Nel 1346 Pipino denuncia agli sbirri la moglie Lucia Galluzzi a causa delle frequenti infedeltà. I solerti difensori della legge accertarono che i più assidui frequentatori di quel letto “ospitale” erano tal Dotitnello Dotti e il Parroco della Chiesa di Montecalvo. Il tribunale, riconosciutala colpevole, ha condannato Lucia ad una multa di 300 lire.
In questo momento storico, però, le donne non hanno patrimonio personale dipendendo interamente dal padre prima e dopo….dal marito!
Vuoi vedere che Pipino ha dovuto pagare pure la multa al posto della moglie??!! Cornuto e….multato!

NOTE:

La visita si terrà anche in caso di maltempo. Minimo 10 partecipanti.
Prenotazione obbligatoria al numero 348 1431230 (pomeriggio e sera).

Iniziativa rivolta esclusivamente ai soci. Sarà possibile associarsi al momento della visita guidata compilando l’apposito modulo e ricevendo la tessera (da presentare alle visite successive).

La quota associativa è di 10€ e la prima visita guidata è in omaggio

quando

QUANDO:

Martedì 16 giugno 2020
Ore 21.00

dove

DOVE:

Ritrovo sotto alla Fontana del Nettuno, lato Palazzo Comunale

costo

COSTO:

L’Associazione chiede un contributo di 12€ per adulti e 7€ per bambini (fino a 12 anni)

Dai un'occhiata alle prossime visite in programma: