Santo Stefano: la Gerusalemme bolognese

La visita guidata

Una visita guidata imperdibile, alla scoperta di uno dei complessi più belli e suggestivi della città! Fondato dai romani nel II secolo d.C., il tempio di Iside fu presto affiancato dalla chiesa dei SS. Vitale e Agricola. Sarà però la figura di San Petronio a dare l’impulso definitivo alla fortuna delle Sette Chiese (ma sono poi veramente sette???) collegando Bologna con Gerusalemme. Storia, arte e simbologia in una visita straordinaria!

Le origini

La presenza di un tempio dedicato alla dea Iside fa del complesso di Santo Stefano uno dei luoghi più suggestivi di Bologna. Le colonne del tempio romano, tutt’ora visibili al centro della struttura ottagonale, sono un’importantissima testimonianza della ricchezza dell’antica Bononia.
Nel 393, a fianco del tempio isiaco, S. Ambrogio, vescovo di Milano, volle erigere un luogo di culto per conservare i resti dei primi martiri bolognesi: Agricola e il suo servo Vitale.
Successivamente, durante l’episcopato di San Petronio, il tempio di Iside fu trasformato in una chiesa cristiana, dedicata forse a Santo Stefano, primo martire della Chiesa.
I contatti con la chiesa di Gerusalemme, forse iniziati con un pellegrinaggio di San Petronio in Terrasanta, portarono a indicare questo complesso come “Santa Gerusalemme” nell’887 con un evidente richiamo ai luoghi della vita di Gesù.

I Longobardi

La presenza, nell’area, di genti longobarde, convertite al cristianesimo fin dalla fine del VI secolo, portò alla costruzione di un loro luogo di culto dedicato a San Giovanni Battista, cui erano particolarmente devoti.

Dopo il Mille

La simbologia che lega Bologna all’Oriente si fortifica quando, dopo il 1047, parte del complesso viene modificato per presentare, in forma ridotta, la stessa pianta della chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme: quest volontà di richiamare fisicamente i luoghi della Passione di Cristo si manifesta nei successivi “aggiornamenti” apportati dai benedettini di Santo Stefano seguendo gli sviluppi del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Santo Stefano oggi

La complessa simbologia del luogo, così come le ricchissime opere d’arte conservate al suo interno, verranno lustrate ai visitatori durante la visita guidata riservata, che si svolgerà di sera e a porte chiuse, garantendo pace ed emozioni!

NOTE:

La visita si terrà anche in caso di maltempo. Minimo 10 partecipanti.
Prenotazione obbligatoria al numero 348 1431230 (pomeriggio e sera).
Iniziativa rivolta esclusivamente ai soci. Sarà possibile associarsi al momento della visita guidata compilando l’apposito modulo e ricevendo la tessera (da presentare alle visite successive). La quota associativa è di 10€ e la prima visita guidata è in omaggio (andrà comunque pagata la quota per l’apertura della chiesa di 5€)

quando

QUANDO:

Giovedì 4 luglio 2019
Ore 20.30

dove

DOVE:

Ritrovo in Piazza Santo Stefano, davanti alla chiesa

costo

COSTO:

L’Associazione chiede un contributo di 15€ per adulti e 10€ per bambini (fino a 12 anni)

L’iniziativa fa parte di Bologna Estate 2019

Dai un'occhiata alle prossime visite in programma: