L'"Ercole e Anteo" del Guercino, un capolavoro in casa Sampieri-Talon

La visita guidata

Occasione imperdibile per ammirare il famoso affresco del Guercino, eseguito nel 1631 per la potente famiglia dei Sampieri all’interno del palazzo di Strada Maggiore.
L’eccellente stato di conservazione dell’opera, che non ha MAI richiesto alcun restauro, ci permette di apprezzare tutto il genio e la qualità pittorica del Guercino.
La visita guidata, limitata alla sala dell’affresco, metterà in luce le vicende costruttive del palazzo, la storia della famiglia, le scelte legate alla committenza e le qualità tecniche e lo straordinario percorso dell’artista.

Francesco Barberi detto il Guercino

Nato a Cento nel 1591, mostrò già a 6 anni una straordinaria propensione per il disegno.
Il talento innato fu alimentato successivamente dallo studio nella bottega di Benedetto Gennari Senior e soprattutto dalla scoperta delle opere dei Carracci già famose a Bologna.
Divenuto maestro, a partire dal 1617 tenne scuola a Cento, completando al sua formazione con un viaggio a Venezia e uno, estremamente produttivo, a Roma.
Chiamato a Londra e a Parigi non volle però lasciare l’Italia, limitandosi a inviare le proprie opere ai regnanti dei due paesi.
Alla morte di Guido Reni (1642) si trasferì definitivamente a Bologna dove morì nel 1666 lasciando un’eredità raccolta dai suoi nipoti, pittori della famiglia Gennari.

NOTE:

Prenotazione al numero 348 1431230 (pomeriggio e sera).
La visita si terrà anche in caso di maltempo. La visita si terrà con un massimo di 30 persone.

quando

QUANDO:

Domenica 11 novembre  
ore 10.00, 11.00 e 12.00

Durata della visita 45 minuti

dove

DOVE:

Ritrovo davanti a Palazzo Sampieri, Strada Maggiore 24

costo

COSTO:

L’Associazione chiede un contributo di 15€ per adulti e 10€ i bambini, comprensivo di ingresso al palazzo.

Dai un'occhiata alle prossime visite in programma: